Pills
comments 11

Come diventare attore – quello che puoi fare per iniziare

Ho deciso di fare questo post per tutte le persone che giornalmente mi chiedono “come diventare attore”. Per diventare attore intendo PROFESSIONALIZZARE qualcosa che hai dentro, da sempre. Perché in fondo attori si nasce.

Non è per niente facile dare consigli su questo argomento, poiché non esiste una formula magica, non c’è una ricetta con dosi precise da rispettare, altrimenti vivremmo in un mondo cinematografico di sole  Meryl Streep. Io stessa ho avuto un percorso insolito rispetto a quelli che generalmente  sono i canoni, poiché come sapete è stato del tutto casuale, un inizio fortunato che capita raramente e non va preso come punto di riferimento universale.

Perciò quello che farò è dirvi il mio pensiero su questo lavoro che tanti sognano ma che pochi hanno il coraggio di rischiare perché richiede fatica emotiva, e la fatica emotiva è per pochi.

COME DIVENTARE ATTORE

Jack Nicholson in una delle scene di Qualcuno volo sul nido del cuculo - come diventare attore

Una scena del film qualcuno volo sul nido del cuculo

Per prima cosa quello che mi preme dire è che il successo lavorativo si costruisce NEL TEMPO, sulla costanza, sul sacrificio, sulla pazienza; vi sembreranno cose scontate ma, qualora decideste di donarvi a questa vita, capirete che sono elementi fondamentali non solo per la buona espressione della vostra arte, ma anche per la sopravvivenza.

Il mestiere dell’attore è un mestiere che ha degli enormi vuoti, momenti di attesa lunghissimi, a volte snervanti, soprattutto per persone che generalmente hanno una sensibilità sovraesposta rispetto ad altri.

Come riempire questi VUOTI?

LO STUDIO E L’ESPERIENZA

Studiate, studiate, studiate. Non parlo solo dei libri, anzi, parlo soprattutto della VITA. Parlate con la gente, soffermatevi a guardare tutto quello che vi circonda, scoprite universi lontani dal vostro. Se io da domani decidessi di relazionarmi solo con persone che la pensano come me su tutto, non crescerei MAI. Non cambierei mai punto di vista, non mi arricchirei. Vi dico questo perché il mestiere dell’attore è fatto sia dallo studio pratico (recitazione, dizione, movimento scenico ecc) sia dallo studio astratto della vita, delle emozioni, della scoperta della propria anima attraverso le esperienze. Ho sempre pensato che questo fosse l’aspetto  più importante per recitare senza recitare mai.

a testa alta, fiction rai uno scena di Lavinia Guglielman - come diventare attore

a testa alta, fiction rai uno. Lavinia Guglielman

Vi accorgerete che quei momenti di vuoto possono trasformarsi nei momenti della COSTRUZIONE DI SÈ, della crescita personale e di conseguenza professionale.

Suppongo che se state ancora leggendo questo post, quello che vi interessa non è la notorietà (almeno non solo) ma qualcosa che vada oltre. Non è scontato, viviamo in una realtà che spesso sovrappone fama e arte. Non sempre le cose vanno di pari passo e non sempre è importante che ci vadano. Ho fatto questa piccola premessa per arrivare a un altro aspetto importante della questione: la PASSIONE. Fatevi questa domanda:” voglio davvero essere un attore? Voglio davvero dare vita a storie che esistono nella mente di un’altra persona? Voglio davvero sacrificare la mia vita per questo lavoro folle? Sono davvero pronto a rischiare così tanto? O voglio solo essere famoso?” Siate consapevoli delle risposte che vi date e fate le vostre scelte con cognizione di causa e naturalmente, se la risposta positiva dovesse riguardare solo l’ultima domanda, fatevi da parte e lasciate spazio a chi davvero ha la NECESSITÀ di esprimere quello che ha dentro.

anna magnani premio oscar in mamma Roma

anna magnani in mamma roma

LE SCUOLE DI RECITAZIONE

Tornando allo studio pratico, ci sono tantissime scuole di recitazione, forse anche troppe. Valutate bene quelle che possano avvicinarsi di più alle vostre esigenze, al vostro modo di vedere questo lavoro. Io ho imparato molto di quello che so fare (poco o tanto chi lo sa!) sul set che secondo me, ad oggi, resta la migliore scuola del mondo; ma come vi dicevo non vado presa come punto di riferimento universale.

Sergio Castelletto e Lavinia Guglielman in una scena del film il sindaco pescatore Rai

sergio castellitto lavinia guglielman il sindaco pescatore

Nonostante questo anch’io per affinare e imparare le mie tecniche ho fatto diverse scuole di teatro, stage, seminari. Sul web basta fare clic su google per aprire una finestra su questo mondo, ma state attenti alle FREGATURE!

LE AGENZIE DI SPETTACOLO

A proposito di fregature, lo stesso accorgimento dovrete adottarlo con le agenzie di rappresentanza artistica. Anzi SOPRATTUTTO. Non avete idea della miriade di ciarlatani che ci sono in giro. Intanto per cominciare, le agenzie NON si pagano, il loro guadagno deriva dal vostro lavoro (su quello che sarà il vostro compenso loro prenderanno una percentuale). DIFFIDATE di chi vi chiede soldi, per lavorare non si paga. Al massimo vi pagano.

Esistono comunque portali e siti come Cinemotore che vi segnalano alcune fra le agenzie più note.

Solitamente le case di produzione che stanno preparando un film, mandano la “cast list” all’agenzia per scegliere gli attori più giusti per quei ruoli. A volte mi è capitato di andare a fare provini per ruoli in cui ero completamente fuori target, tanto da chiedermi che cosa ci facessi lì. Più avanti ho capito che un provino è comunque un’OCCASIONE per farsi conoscere da un casting director, da un regista e anche dai colleghi. Se sei bravo e nessuno ti conosce, non sperare di lavorare.

Meryl Streep ne Il diavolo veste Prada

interpretazioni che ti fanno sentire una cacchina..

IL PROVINO

Il provino è una questione delicata. Mettete una musica seria per leggere le righe successive per favore.

Solitamente il provino è suddiviso in due fasi, una prima che consiste in un incontro  conoscitivo, una chiacchierata e nulla di più; una seconda in cui avrete gli stralci del copione da interpretare. La prima è importante tanto quanto la seconda, saper parlare è importante tanto quanto saper recitare.

Esistono dei piccoli accorgimenti da avere:  1) se siete donne, NON vi truccate come a Carnevale (almeno che non sia espressamente richiesto dal personaggio); il viso è lo strumento primario dell’attore ed è importante che si veda, nei pregi e nei difetti, si, anche nelle occhiaie e nelle rughe (“non toglietemene neanche una, le ho pagate tutte care” diceva Anna magnani) 2) siate semplici nel vostro look, non state andando in discoteca, ma ad un incontro di lavoro e la sobrietà e il buon gusto sono sempre graditi. 3) nel vostro curriculum non inserite lavori che non hanno nulla a che vedere con quello che state andando a fare. Se io domani volessi entrare a lavorare in banca, non avrebbe senso scrivere che ho recitato con Sergio Castellitto. 4) le foto del vostro BOOK vi devono ritrarre nella vostra verità e varietà di espressioni, senza mascheroni, pose da pinup, e nudi inutili. Ripeto, siete attori. Il nudo in scena si, sulle foto no. 5) studiate alla perfezione il copione che vi è stato dato. Sembra scontato ma in tanti anni di provini ho visto cose che potrei scriverci un libro. La serietà e la professionalità si vedono anche in queste cose.

La cosa che ho sempre odiato dei provini, è che nessuno ti dirà mai NO, ma tutti ti faranno sperare fino all’ultimo di essere stata scelta perché durante il provino il casting si è lasciato scappare un:” sei perfetta, sei tu quella che cercavo”.

Quindi un consiglio: fate il provino  e DIMENTICATEVELO.

In bocca al lupo!

PS. Non dite mai: ” Beato lui che lavora così tanto ed è famoso” perché non potete mai sapere dietro a quel successo cosa c’è; la fatica, le porte sbattute in faccia, i no da mandare giù, i doppi lavori per pagarsi gli studi, come tutti.

– Sei un attore? Dove posso vederti? In pizzeria il venerdì e il sabato ore pasti. –

11 Comments

  1. Vincenzo Amati says

    In maniera semplice ma al tempo stesso profonda, sistematica e completa… Hai fornito delle indicazioni utilissime ed in alcuni punti applicabili anche ad altre figure che ruotano attorno a quella dell’attore. Mi ha molto colpito lo studio della vita circostante, il dialogare con la gente, il guardarsi attorno… Perché credo possa essere utile a tutti. Fare l’attore è un mestiere molto faticoso, anche se unico e a tratti magico, e tu ne hai saputo elencare schiettamente i vari risvolti… Bellissima la riflessione sul non sapere cosa si cela dietro il successo! Grazie Lavi per questa lezione… di vita

  2. Caterina says

    Faccio teatro da anni e só quanto sia faticoso questo lavoro. Grazie per i consigli e ne farò tesoro per diventare in modo professionale quello che nel mio piccolo sono già.

    • Lavinia says

      Grazie a te per aver letto e apprezzato questo post. È un lavoro faticoso, stressante e snervante, regala momenti stupendi e grandi soddisfazioni, ma anche vuoti e frustrazioni; inutile girarci intorno. Bisogna mettere in conto tutto e essere pronti a prenderne il bello e il brutto, se davvero lo si vuole.
      Ti auguro tanta fortuna e ti faccio i miei auguri più sinceri.
      Lavinia

  3. Martin says

    Per quando bravi, (ATTORI)
    non potrete
    MAI interpretare il vero Amore delle persone.
    Specie in quelle persone, che della propia vita L’ Amore le ha rese VINCENTI.
    AUGURI.

  4. Roberto says

    In tutte le agenzie si paga in Italia, anche in quelle segnalate tra le più rinomate, il problema è valutare il costo.
    Conosco agenzie che organizzano corsi che non servono a nulla e si fanno pagare 3.500/5000€ un corso in full immersion ed altre dove con 3/400€ paghi e t’inseriscono già all’interno di un set televisivo o cinematografico, poi sta alla persona se piace o meno per continuare a lavorare o meno.
    Riguardo gli attori mi guarderei da pronunciare questo termine riferito a quelli italiani dal 70 in poi, gli stessi registi Fellini e company li prendevano per strada e senza nessuna esperienza in relazione alla settima arte, ed infatti potete valutare voi stessi la differenza e la spontaneità che traspare da recitazioni di allora e quelle catastrofico/grottesche di oggi.
    Come hai inizialmente scritto “attori si nasce” poi è questione di treni che passano.
    Grandi attori abbiamo perso perchè mai provinati in Italia e tante capre oggi sono in televisione perchè raccomandati dalla politica.
    In fondo l’Italia è l’unico Paese al mondo dove per fare il produttore non hai bisogno di un € perchè è la politica attraverso Film Commission e Ministeri dei beni culturali che li mette a disposizione, e visto che c’è la politica dietro è proprio questa che decide come conditio sine qua non a chi andranno i contributi, chi sarà il regista e chi gli attori, non per niente siamo diventati lo stato con le produzioni più scadenti del mondo e l’unica cosa che possiamo esportare all’estero sono dei “docu-film” documentari camuffati da film per esporre oltreoceano l’unica cosa che ancora possediamo “la nostra storia artistica, location, monumenti”

  5. Roberto says

    Dimenticavo, inutile presentarsi ed essere sbattuti da agenzie a bussare a porte di Casting Director, poichè i provini su parte sono per appuntamento e non troverete mai il produttore, al limite un secondo regista, ma visto che ripeto sono su appuntamento verrete irrimediabilmente messi alla porta.
    Il trucchetto di farsi pagare dalle agenzie perchè inviino i propri iscritti ai casting può andar bene per i casting di gruppo, tipo dove si presentano migliaia di persone per esibirsi, che servono più al marketing che alla reale scelta di un generico o attore, inoltre non è obbligatorio essere inseriti da nessuna agenzia perchè pubblici, quindi ci si può presentare in maniera autonoma senza spendere soldi.

  6. Giuseppe says

    Bell articolo, ci vuole davvero tanto sacrificio per fare questo mestiere. Riguarda ai provini e porte sbattute in faccia Io mi sono ammalato di depressione, e ne sto piangendo le conseguenze.

  7. Giuseppe says

    Si può fare l attore professionista, senza essere rappresentati da   un agente, ed essere impresario di se stessi? Se si, a chi si ci deve proporre, direttamente ai produttori? Agli uffici casting? Se mi interessano le tipologie di fiction della Taodue ad esempio tipo Distretto di Polizia, squadra antimafia, o i ruoli nelle nelle soap tipo centovetrine,perché conformi ai personaggi che vorrei interpretare, cosa dovrei fare? Le produzioni prendono in considerazione chi non ha un agente? Potresti darmi consigli?

    • dinopasseri says

      Ciao Giuseppe, benvenuto e grazie per le tue domande che molti come te si pongono. Sono convinta che farsi rappresentare da professionisti del settore sia l’atteggiamento più serio e professionale che si possa adottare. Un buon agente, con il quale instaurare un rapporto di fiducia e stima reciproca, e’ fondamentale. Insieme potrete studiare il percorso da fare, gli obiettivi da raggiungere e come raggiungerli. Questo comprende anche il parlare insieme dei ruoli che ti piacerebbe interpretare e che senti piu’ adatti alle tue corde 🙂 Un bravo agente ti saprà presentare nel modo più adeguato ai registi e ai produttori, cosi’ come ai casting director.

      Detto ciò, essere imprenditori di se’ stessi in questo lavoro e’ fondamentale, fare public relations, creare una propria rete di contatti che ti permetta di farti conoscere e apprezzare per il tuo lavoro.
      I casting director, i registi e i produttori sono scordarelli, quindi va bene ricordargli che esisti anche tu; ma farlo quando sei gia’ stato introdotto in modo serio e professionale da un agente e’ molto diverso rispetto al farlo da zero. Anche produttori e le case di produzione stesse, probabilmente, hanno più facilità a relazionarsi con un’agente piuttosto che con un “potenziale attore”. Pensa anche che di persone che vorrebbero “fare gli attori per andare in tv” ce ne sono fin troppi ma molti pochi desiderano farlo con passione e con spirito di sacrificio. Produttori, registi, casting director se dovessero dar retta a tutti quelli che gli chiedono di recitare non farebbero altro che questo.
      Un agenzia di per se è già “un filtro”, poiché un’agenzia seria prende al suo interno solo persone interessate, interessanti e con potenziale.

      Trovare un’agenzia non è facile e anche qui i no saranno tanti te lo assicuro. Capisco la difficoltà, ci sono passata anche io tante volte. Ma quello che mi sento di dirti è che, nonostante i tanti no e le tante porte in faccia che riceverai, devi continuare a cercare qualcuno che veramente creda e riconosca il tuo potenziale e che lavori con te e per te per il tuo futuro.

      Ma ricorda, LE AGENZIE SERIE NON SI DEVONO PAGARE. Loro guadagnano con te.

  8. Mela says

    Ciao ,se una persona volesse intraprendere questa carriera ,per prima cosa dovrebbe iscriversi a una agenzia e aspettare che ti proponga provini? È necessario da subito fare una scuola di recitazione ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *