Pills
Leave a comment

COME AFFRONTARE LA PAURA DEL GIUDIZIO DEGLI ALTRI

Uno delle più grandi paure che mi hanno complicato la vita è la paura di esporsi e del giudizio degli altri.

Quando ero più piccola pensavo che si trattasse di semplice timidezza, e forse in minima parte era anche vero. Ma in minima. Crescendo invece mi sono accorta che quella apparente timidezza nascondeva la paura di essere giudicata e, ancora più profondamente, la sensazione di essere inadeguata e poco presentabile al mondo esterno.

Ero afflitta dal non sentirmi all’altezza di fare qualsiasi cosa, ero iper critica verso me stessa, pensavo di non valere abbastanza. Sentivo che mi mancava sempre qualcosa. Combattevo continuamente con un’idea massimale di perfezione da raggiungere tanto da sentire di non potermi permettere errori o defaillances. 

Il valore che davo a me stessa era direttamente proporzionale al valore che mi davano gli altri. Questo mi portava a mettere da parte la mia personalità, i miei punti di vista e le mie opinioni, per aderire a quelle degli altri e azzerare (secondo me) il rischio di non piacere. Se vogliamo, in questo atteggiamento si nasconde anche una certa arroganza. Voler piacere a tutti è, a tutti gli effetti, una forma di arroganza e insicurezza. Un bel mix direi.

Forse questo è stato l’errore più grande. Il sentire di non potermi permettere il LUSSO di essere me stessa. Le domande più frequenti che il mio inconscio si faceva, erano :

“Come dovrei comportarmi in questo momento?” “Che cosa penseranno di me?”

Volevo essere accettata e amata da chi mi circondava, nient’altro.

Da dove veniva la mia paura di non essere accettata? Certo, negli anni ho fatto un’attenta analisi andando a ritroso nel tempo per capire quali fossero le ragioni, e anche le prime avvisaglie del mio malessere. E le ho trovate. Ma ho anche capito che non posso cambiare il passato, ma il presente cercando una SOLUZIONE al problema. “L’EVITAMENTO” È UNA FINTA SOLUZIONE.

LE MIE SOLUZIONI:

  • Smettere di voler piacere a tutti i costi a tutti. SPOILER: non piacerai a tutti. Fattene una ragione.
  • Chi ti giudica non definisce te, ma se stesso. Questo mantra l’ho fatto mio e penso che non ci sia niente di più vero. Fermati a riflettere sui giudizi che dai tu sugli altri e noterai come le tue parole dicano di te piuttosto che di chi giudichi.
  • Ridimensionare. Le nostre aspettative sono MASSIMALI. La perfezione non esiste e ammorbidirci ci farà vivere con più serenità e leggerezza.
  • Smettere di pensare che gli altri stiano sempre pensando a noi. Guarda che non è così. Ci convinciamo di questo per sentirci importanti, ma ti assicuro che gli altri hanno le loro cose per la testa.
  • Smettila di interpretare un ruolo. A questo proposito avevo letto da qualche parte la storia della pecora nera e della pecora bianca. In un gruppo ci sono le pecore bianche che cercano di adattarsi agli altri, non esprimono opinioni ma anzi si adeguano a quelle degli altri, e le pecore nere che sono i bastian contrario, quelli che vogliono a tutti i costi essere un pò alternativi e diversi. Sia le pecore bianche che le pecore nere temono il giudizio degli altri. Poi c’e’ una piccola percentuale, piccolissima, di pecore che se ne fregano degli altri, e che hanno deciso di non aderire a nessuno se non a loro stesse. Non assecondano, vivono di autenticità. Ecco, sii una di loro.

Per quanto possa sembrarti strano, queste soluzioni miglioreranno la tua paura di esporti. Ti renderanno finalmente libero, perché non c’è schiavitù più grande del sentire di non potersi permettere di essere chi vuoi essere.

A presto

Lavinia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.